LE CARTE DA PARATI E IL RETROFUTURISMO

interior-design-piu-retrofuturismo

L’abitudine di adornare, in vario modo, le pareti della casa ha origini antiche, era abitudine impreziosirle con tendaggi, affreschi, stucchi, cuoio o rivestimenti in legno. Le prime testimonianze di “carta da parati” risalgono al periodo Medioevale, dove in Europa si diffuse l’utilizzo di arazzi arabi cioè tappeti da parete. Si considera l’arazzo il più vicino parente della carta da parati, ma solo dal XII sec., in Europa grazie all’importazione della carta dalla Cina, nacque l’usanza di dipingere la carta ed applicarla alle pareti, da cui prese vita la nota carta da parati. Nei secoli il wallpaper è stato largamente impiegato per abbellire gli interni delle abitazioni, grazie allo sviluppo delle tecnologie è stato possibile affinare le tecniche di produzione della carta, ottenendo carte in vari materiali come il velluto, il vinile e anche adatte ad ambienti esterni o umidi. Inoltre anche la parte grafica nel corso degli anni si è modificata adattandosi alle mode e alle correnti artistiche del periodo.

In Italia attualmente sono poche le aziende di produzione, per cui quasi tutte le collezioni sono di provenienza europea o estera, come la tedesca Carta da parati degli anni ‘70, una ditta con la passione degli anni ’70, che propone collezioni fortemente ispirate a quegli anni ma pur sempre seguendo le tendenze contemporanee. Scegliendo le loro carte è possibile creare ambienti con stili diversi come l’attualissimo “RETROFUTURISMO”, che come ci suggerisce il termine è una tendenza che lega ambientazioni RETRO ispirate agli anni ’20 e ‘70 con quelle FUTURISTICHE, proponendo un viaggio multisensoriale.


ANNI ‘20

Lo stile anni ’20 conosciuto con il nome Charleston, sinonimo di atmosfere spumeggianti, un tripudio di colori in movimento, a metà strada tra arte e design, trasforma gli spazi privati e pubblici in vere e proprie scenografie artistiche. Il Charleston è caratterizzato da accostamenti tra materiali eleganti come il velluto e colori pastello, frange che rivestono tutti gli arredi, luci, pouf e tavoli. Attualmente riproposto per ottenere uno stile glamour che ricorda le lounge borghesi, con atmosfere civettuole.

E’ possibile ottenere lo stile Retrofuturistico con ispirazioni anni ’20 grazie all’utilizzo di Wallpapers, optando per grafiche dalle linee nette ma preziose oppure grafiche con richiami alla natura esotica, mixati con elementi futuristici come i colori pastello, i materiali come l’ottone e le geometrie morbide degli arredi. Grazie all’utilizzo di questi elementi otteniamo dunque un ambiente fortemente glamour con un’atmosfera accogliente.


ANNI ‘70

Lo stile anni ’70 è caratterizzato dall’utilizzo di tonalità molto forti, verde brillante, turchese e giallo oro, al contrario del bianco e del nero che non vengono utilizzati spesso. Le carte da parati sostituiscono le tinte, gli arredi e complementi cambiano aspetto, sono lucidi, di vetro e di pelle ma anche di metallo e legno, i pavimenti sono in teak e in pino o rivestiti in moquette. Il design nel 1970 utilizza molto i materiali plastici per l’arredamento, creando atmosfere giocose e schematiche per tutti i giorni.

E’ possibile ottenere lo stile Retrofuturistico con ispirazioni anni ’70 grazie all’utilizzo di Wallpapers, scegliendo tra grafiche floreali, geometriche e ottiche, combinate a elementi futuristici come rivestimenti in ceramica, arredi dalle linee bombate, colori sui toni del rosa, del celeste e elementi iconici. Optando per questo mood si ottiene un’ambiente dalla forte personalità perfetto in particolar modo per le attività commerciali.

Il Retrofuturismo è lo stile del momento, ma scegliendo tra la vasta gamma di prodotti di Carta da parati degli anni ‘70, possiamo creare e ricreare l’ambientazione che più si adatta al tuo stile.

IN QUESTO ARTICOLO HAI VISTO:

Wallpapers: Carta da parati degli anni ‘70

Interni: Luisaviaroma / Wonder Galaxy

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

INTERIOR DESIGN +
Share
This